La carcassa di un lupo grigio italiano, appesa con le zampe posteriore alla pensilina di una fermata dell’autobus è stata ritrovata a Coriano – nel Riminese – nella frazione di Ospedaletto. L’animale è stato rinvenuto, senza vita ma ancora sanguinante, da alcuni ragazzini che stavano andando a scuola e che hanno dato l’allarme. Della scena sono state scattate delle foto già in circolazione sui social network: “Nessuna motivazione è ammissibile e a volte i violenti si trovano proprio sotto casa nostra – si legge in diversi gruppi – I mostri sono ovunque“.

Secondo i carabinieri della Forestale l’esemplare proveniente dalle zone montane del Monte Carpegna e del Sasso Simone, come accaduto già in passato, è sceso a valle seguendo le prede – per lo più cinghiali – che si spingono in ambienti estremamente urbanizzati e insidiosi. Dopo una prima visita della carcassa è stato disposto l’invio all’Istituto zoo profilattico per certificare la causa della morte e quant’altro possa essere utile alle indagini. Dai primi accertamenti però è già emerso che l’animale presenta il cranio fracassato con numerosi fori nella testa che potrebbero essere i segni di una uccisione procurata con colpi di badile o forcone su un animale in qualche modo caduto in trappola e poi finito.

I carabinieri di Coriano e della Forestale stanno seguendo alcune tracce e valutando diverse ipotesi investigative. È stato anche lanciato un appello a contattare il 112 o il 1515 se si dovessero avere particolari utili a individuare il colpevole. Già negli scorsi anni, in zona, erano stati rinvenuti altri animali uccisi: in prossimità del fiume Marano, che costituisce un naturale corridoio ecologico di collegamento con le aree montane e collinari a maggiore naturalità e quelle pianeggianti, sono state rinvenute le carcasse di due esemplari maschi di lupo morti a causa dei traumi da investimento di auto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lecce, prete indagato per abusi sessuali su una 12enne. Sotto inchiesta anche la madre della vittima:”Favoreggiamento”

prev
Articolo Successivo

Parma, distrutto e incendiato il nuovo centro migranti di Lesignano de’ Bagni: avrebbe dovuto ospitare 8 persone

next