“E’ stato accertato che l’inchiesta sulla morte di David Rossi del 2013 non è mai stata fatta: sono stati distrutti dei reperti fondamentali. Le indagini non sono state fatte per dolo o per incapacità”. Davide Vecchi, giornalista del Fatto Quotidiano e autore de “Il caso David Rossi – il suicidio imperfetto” (Chiarelettere, 2017), spiega così l’inchiesta per la morte del manager di Mps avvenuta nel 2013, uno dei misteri giudiziari più intricati degli ultimi anni. Dopo un primo filone che sosteneva l’ipotesi di suicidio, nel 2015 ne viene aperto un’altro che di fatto evidenzia tutti gli errori fatti dagli inquirenti due anni prima. Proprio per il ruolo di Rossi, capo della comunicazione di Mps, la vicenda è legata a doppio filo con la crisi della stessa banca senese. “Poco prima di morire diceva di essere disposto a raccontare tutto nei minimi particolari  – ricorda Peter Gomez, direttore de Ilfattoquotidiano.it – Poi muore, non si sa come, e non ha fatto in tempo a raccontato niente”. Tante vicende tra quelle successe nel 2013 non sono ancora state spiegate e forse non lo saranno mai. “In quell’anno a Siena sembrava ci fosse la tempesta perfetta tra massoneria, politica e finanza – conclude Vecchi – poi però le indagini hanno fatto calmare la tempesta ed è tornato il mare sereno per tutti”. Il 26 ottobre il libro è stato presentato alla Feltrinelli di piazza Duomo a Milano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ilva, 21 indagati per disastro ambientale: “5 milioni di metri cubi di rifiuti in gravina”. Sotto inchiesta la famiglia Riva

prev
Articolo Successivo

M5S, indagati sindaco di Livorno Nogarin e ex assessore Lemmetti: “È per gara della società portuale, annullata”

next