Papa Francesco ha ricevuto il terzo numero di Fq MillenniuM dedicato interamente proprio ai nemici del Pontefice latinoamericano. Al termine dell’udienza generale di mercoledì 25 ottobre, a Bergoglio è stata donata una copia del terzo numero (“I nemici di Papa Francesco”) del mensile diretto da Peter Gomez e coordinato da Mario Portanova. “È un numero su di lei – ha spiegato a Bergoglio il vaticanista de ilfattoquotidiano.it Francesco Antonio Grana – anzi sui suoi nemici, quelli nella Curia romana e nelle altre gerarchie ecclesiastiche, ma anche a coloro che ha attaccato in questi primi cinque anni di pontificato: dai corrotti, in particolare nella Chiesa, nella politica e nel mondo del lavoro, ai trafficanti di uomini e di armi, ai preti pedofili fino agli ecclesiastici che vivono da faraoni”. La risposta del pontefice sembra una benedizione: “Sono un povero peccatore e ho bisogno di chi mi difende. Siete bravi, tanto bravi. Andate avanti”.

I giornalisti di Fq MillenniuM hanno fatto un accurato viaggio in Vaticano e non solo per capire chi e che cosa sta impedendo al Pontefice di realizzare la sua rivoluzione nella Chiesa cattolica. Nemici interni, trame internazionali, resistenze dal basso: ecco perché la strada di Francesco è lastricata di ostacoli difficili da superare. Senza considerare che c’è perfino chi, dentro e fuori la Chiesa cattolica, che oltre a fargli una durissima opposizione lo dichiara eretico.

Bergoglio non è stato per nulla turbato di parlare apertamente dei suoi nemici e non si è rabbuiato nemmeno guardando con attenzione la copertina di Fq MillenniuM che lo ritrae, in un fotomontaggio dell’art director Pierpaolo Balani, trasfigurato nel San Sebastiano del Mantegna trafitto dalle frecce. Francesco, anzi, ha confessato di aver già letto alcuni articoli su di lui pubblicati sulla nostra testata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Solfatara di Pozzuoli, sequestrata l’intera area dove morirono 3 persone. Per i pm ci sono “misure di protezione carenti”

prev
Articolo Successivo

Performance o vandalismo? Fontana di Trevi colorata di rosso. Fermato il responsabile, aveva già colpito nel 2007

next