La prima prova su strada della nuova legge elettorale non sorprende: di Rosatellum bis si parla da settimane ma quasi nessuno ne sa qualcosa. A molti nemmeno interessa. Non sono pochi tuttavia coloro che, pur non conoscendo nei dettagli il nuovo meccanismo elettorale, si sono fatti l’idea che sia stato calcolato in funzione degli interessi dei partiti che l’hanno approvato, per ora solo alla Camera dei Deputati. “Avremo ancora un parlamento di nominati”, denuncia più di una voce. “Sono già pronti per il governo di larghe intese”, aggiungono altri. Ma c’è pure chi difende il Rosatellum: “Una legge elettorale era necessaria, questa è il miglior compromesso possibile”. Voi che ne dite? 

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum autonomia, Gentiloni: “Si discute di come far funzionare l’Italia, non si discute l’Italia. Pronti a farlo”

next
Articolo Successivo

Rosatellum, lo studio in mano al Pd: nei collegi del Nord zero deputati su 85. Il partito tiene solo in Emilia Romagna

next