I dem si sono dati appuntamento al Teatro Eliseo di Roma per i primi 10 anni del Pd. Ma sembra esserci poco da festeggiare. Il primo a parlare dal palco è Walter Veltroni, che parlando di un partito nato in ritardo e che avrebbe dovuto essere la naturale prosecuzione dell’Ulivo, giudica quello guidato da Romano Prodi (grande assente di oggi, leggi) il miglior governo che l’Italia abbia avuto. In prima fila, ad incassare, gli ultimi due presidenti del Consiglio: Matteo Renzi e l’attuale Paolo Gentiloni. Ma non è finita. Veltroni parla anche di inciuci, e di alleanze che vanno fatte prima, in base ai programmi e fatte giudicare agli elettori

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dieci anni del Pd, Veltroni a Renzi e Gentiloni: “Non abbiate paura della parola ‘sinistra’. Fate legge sullo Ius soli”

next
Articolo Successivo

Renzi, le parole che non ti aspetti. Lo ha detto alla festa per i 10 anni del Pd: “Il nostro nemico è… l’autoreferenzialità”

next