Farina: “Signor Ricky, lei si intervista da solo perché nessuno la intervista?”
Ricky: “Esattamente, non le sembra una cosa simpatica?”
Farina: “Forse, ma veniamo a noi, quanti anni ha?”
Ricky: “48 e sento addosso ogni attimo che ho vissuto”
Farina: “Bene, chi dice di non sentirsi i propri anni è come se non avesse vissuto, vero?”
Ricky: “Esattamente, avrà notato che mi piace dire esattamente
Farina: “L’ho notato. Che cosa fa nella vita?”
Ricky: “Sarebbe più interessante chiedermi che cosa faccio per la vita”

Farina: “Accolgo il suo suggerimento, che cosa fa per la vita?”
Ricky: “Sono gentile con tutti, se bevo un caffè al tavolino riporto la tazzina al banco, se qualcuno mi chiede una via di Milano rispondo che io sono la via
Farina: “Non le sembra un tantino blasfemo?”
Ricky: “Sì, ma mi diverte”

Farina: “Lei fa il regista da circa 20 anni. Racconta la vita di persone anonime, persone spesso e volentieri del suo quartiere. Che significato ha il suo lavoro?”
Ricky: “Proprio quello di raccontare le persone. Ognuno di noi ha uno sguardo unico sul mondo, e a me interessa quello sguardo. Amo in modo folle gli altri, e li amo proprio perché sono diversi. Senza gli altri soffocherei, gli altri sono il mio respiro e la mia libertà”
Farina: “Libertà da che cosa?”
Ricky: “Libertà da me stesso”
Farina: “Lei è un regista di nicchia. La conoscono in quattro gatti, nessuno scrive articoli su di lei. Non si sente ignorato dal mondo dello spettacolo?”
Ricky: “Il mondo dello spettacolo non mi interessa. A me interessa la vita, che è il più grande spettacolo del mondo. raccontando gli altri non faccio altro che raccontare me stesso, la mia vita è il mio kolossal, e la vita si sa che finisce con un flop

Farina: “Quindi lei si è votato al fallimento”
Ricky:Esattamente, imparare a perdere è la cosa più importante. I rubinetti perdono e vivere è una perdita di tempo. Nella vita si perdono i denti, i capelli, le persone che amiamo e i ricordi. Saggezza non è imparare a morire, ma imparare a perdere. Solo che oggi tutti vogliono vincere, non le sembra assurdo?”
Farina: “Forse, quindi avere successo le farebbe schifo?”

Ricky: “No, ma è ininfluente, va bene così, non avere successo è anche una forma di libertà, nessuno mi tira per la giacca e io ci tengo alle mie giacche”
Farina: “Che cosa ci presenta oggi?”
Ricky: “L’ennesimo film a Pipetta, uno dei miei personaggi preferiti. Di Pipetta amo la sua solitudine solare e sorridente, quando la incontro per caso tiro fuori la videocamera e faccio un  film sul suo volto. Lei fa finta di non volere essere ripresa, ma alla fine è felice e ci lasciamo sempre con un sorriso”
Farina: “Lei gira sempre con la sua fedele videocamera?”

Ricky: “Quasi sempre. Racconto la mia vita, sono un feticista degli attimi”
Farina: “Bene, allora non ci resta altro che salutarla e augurarle di fare sempre nuovi incontri. In fondo la vita è l’arte dell’incontro, no?”
Ricky:Esattamente, ma detto tra noi, se non divento famoso entro i 50 anni mi sparo”

Farina: “A salve?”
Ricky:Esattamente, ogni saluto è un addio potenziale, se ci pensa, anche un semplice salve, grazie per l’attenzione, un caro saluto a me stesso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Un ospedale in Senegal, l’esempio pratico per ‘aiutarli a casa loro’

next
Articolo Successivo

Il Sessantotto è morto, viva il Sessantotto / 1° parte

next