“Ricatto al Senato contro la legge che tutela chi denuncia i corrotti. A denunciarlo sono Giovanni Endrizzi, capogruppo del MoVimento 5 Stelle, e Vito Crimi, senatore pentastellato, nel giorno in cui a Palazzo Madama sono in discussione le disposizioni per la tutela degli autori di segnalazioni di reati o irregolarità di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito di un rapporto di lavoro pubblico o privato.

Al provvedimento, che ha già avuto l’ok dalla Camera, sono state presentate 65 proposte emendative. Ma, scrivono gli esponenti del movimento, “dopo il fallito blitz di ieri con Forza Italia e Lega che hanno cercato di rinviare la legge in Commissione, oggi con il voto di PdLegaForza Italia-Alfano e Ala di Verdini, l’Aula ha sospeso le votazioni degli emendamenti alle 12.30″. Eppure “i lavori d’aula erano previsti fino alle 14. La scusa? Alle 14 c’è un ufficio di presidenza e bisogna prepararsi… “. L’obiettiv, secondo l’M5S, è “affossare la legge”.

Infatti “se entro martedì pomeriggio non si voteranno tutti gli emendamenti e si approverà legge, si rischia uno stop per l’inizio della sessione di bilancio e la legge elettorale. Uno stop che significherà l’affossamento definitivo per una legge richiesta da Anac, associazioni come Transparency International e Riparte il Futuro e oltre 60mila cittadini che hanno firmato la petizione online. Se non è cosi lo dimostrino con i fatti. Martedì il Senato approvi la legge sul whistleblowing in modo che la Camera abbia tutto il tempo di dare il via libero definitivo”, concludono Endrizzi e Crimi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge Elettorale, La Russa incontra militanti M5S tra selfie ed insulti: “Se dite Fascistellum a Renzi gli fate un complimento”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, il Movimento 5 stelle protesta in piazza. Segui la diretta

next