Ormai è più che una semplice rottura. Nella “soap opera” (citazione di Roberto Speranza) tra gli ex dem di Mdp-Articolo Uno e il Campo progressista di Giuliano Pisapia siamo già alle frecciate e alle provocazioni. Come quella di Alfredo D’Attorre, deputato del movimento dei bersaniani: “Pisapia? Spero rifletta e ci ripensi. Qui nessuno vuole fare un partitino, anche se abbiamo rispetto per le piccole formazioni politiche dove lui ha militato per tutta la vita. Ma vogliamo costruire una grande forza popolare e di governo”, ha spiegato D’Attorre. Per poi rilanciare: “Noi puntiamo all’assemblea costituente del 19 novembre. Mi sembra che le prime risposte di Sinistra italiana e Possibile siano incoraggianti”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, cantieri come funghi: ma sono lifting che deturpano

next
Articolo Successivo

Elezioni Sicilia, il comizio del candidato che imbarazza Musumeci: “Figlio del boss? Orgoglioso di essere suo amico”

next