Capelli biondi rasati, maglietta nera a maniche lunghe, jeans e scarpe nere, circa un metro e ottanta, orecchi sporgenti, magro, tra i 30 e i 40 anni. Questo l’identikit dell’uomo accusato di aver molestato l’11 settembre una bambina di 6 anni nell’androne di un palazzo in zona Paolo Sarpi, nel cuore della Chinatown di Milano. Gli investigatori della Squadra mobile e la Procura hanno deciso di diffondere le immagini riprese dalle telecamere installate in zona. La qualità permette di riconoscere senza dubbio l’autore. L’obiettivo è di ottenere informazioni utili da parte della cittadinanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Treviso, baby gang terrorizza treno. Sputi in faccia e minacce agli altri passeggeri

prev
Articolo Successivo

Famiglia avvelenata dal tallio, procura di Monza dispone autopsie e nuovi test

next