La proposta di legge sulla cannabis tornerà in Aula a Montecitorio il prossimo 17 ottobre, ma azzoppata e sfigurata rispetto a quanto proposto dall’intergruppo parlamentare della Camera, dopo lo stralcio dal testo base della legalizzazione per l’uso ricreativo e non solo. Ma se Sinistra Italiana-Possibile annuncia emendamenti al testo, al Senato il M5S presenta una nuova proposta di legge. Un testo che si limitato all’uso terapeutico per tutelare almeno i malati dall’ormai prossima conclusione della legislatura. “Si prevede la possibilità di coltivare a casa un numero massimo di 4 piante di Cannabis”, ha chiarito il senatore pentastellato Alfonso Ciampolillo. I tempi, però, sono a dir poco stretti, considerando anche la legge di bilancio da approvare. E allora? “Chiediamo la calendarizzazione urgente. Il Senato si è occupato di commemorare Rossini e Dante nelle ultime settimane, ora ci appelliamo a chi sosteneva il progetto della Camera. Riteniamo che ci possa essere una convergenza trasversale”, ha aggiunto il senatore Enrico Cappelletti. E rilanciano: “Entro la fine dell’anno si può approvare, bastano poche settimane”. Quanto al nodo della legalizzazione per uso ricreativo, i senatori cinquestelle aprono alla possibilità di una consultazione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, il sottosegretario alla Difesa Rossi rimette le deleghe dopo servizio delle Iene: “Figlio assunto da deputato”

prev
Articolo Successivo

G7 Torino, Fico dopo le polemiche Pd-M5s sugli scontri: “Bene manifestare e radunarsi. Ma violenza non è la strada”

next