Addio allo Ius soli. O quantomeno, se i numeri lo consentiranno, arrivederci alla prossima legislatura. Dopo i niet di Alfano e Alternativa popolare, anche dentro il governo e in casa Pd è ormai resa sul provvedimento che avrebbe dovuto riformare la normativa sulla cittadinanza. A certificarlo, ospite del Festival dell’Unità di Roma, è stata la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio dei ministri, Maria Elena Boschi. “Non ci sono i numeri oggi in Parlamento. Lo dico con dispiacere perché è una legge giusta. Se alle prossime elezioni il Pd avrà una maggioranza numericamente più importante, lo ius soli sarà in cima al nostro programma”, ha promesso Boschi, appellandosi già – seppur con cinque mesi di anticipo rispetto alle urne – al voto utile per la prossima legislatura. Poco propensa a rispondere alle domande dei cronisti, dopo un dibattito blindato o quasi al Festival del Pd della Capitale, Boschi ha poi spiegato di essere ottimista sul percorso del Rosatellum, la nuova versione della legge elettorale: “Ci stiamo riprovando, è una legge elettorale che ha chance di essere approvata”Gli attacchi, invece, sono per l’ex premier Massimo D’Alema e per la sindaca capitolina Virginia Raggi: “D’Alema? La miglior risposta l’ha data l’allenatore della Roma Di Francesco (quando ha bollato, sarcasticamente, l’ex leader Maximo come ‘esperto di vittorie‘, ndr). E sulla sindaca M5s: “Vero, con Raggi sono cambiate tante cose. Assessori e collaboratori sono cambiati sicuramente…”, ha replicato, raccogliendo applausi in platea.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, sulla terrazza del Nazareno dibattito in stile Forza Italia: Giuliano Ferrara parla dell’incubo della Repubblica giudiziaria

next
Articolo Successivo

Orfini: “Centrosinistra impossibile con Bersani e D’Alema. Stanno provando a fare una nuova Rifondazione”

next