Striscia la notizia taglia il traguardo dei trenta. Lunedì 25 settembre parte, infatti, la 30esima edizione del tg satirico di Canale 5. “Siamo qui da tanto tempo. Striscia piace perché non tradisce mai il pubblico, ogni anno sorprende e porta grandi risultati”, spiegano i due storici conduttori, Ezio Greggio ed Enzo Iacchetti durante la conferenza stampa di presentazione. Tra le novità della nuova stagione anche le due veline: la mora Shaila Gatta e la bionda Mikaela Neaze SIlva. Contro quest’ultima, per via delle sue origini afghane e angolane, si sono scatenati molti insulti su Facebook. “L’insulto razzista è la cosa più ignorante che una persona possa fare – commentano i due conduttori – e su Facebook spesso si raduna questa gente”. Durante l’anno oltre a Greggio e Iacchetti si alterneranno alla conduzione altre coppie: di nuovo Greggio con Michelle Hunziker che poi continuerà insieme a Jerry Scotti. Infine durante la seconda parte dell’anno la trasmissione è affidata al duo comico Ficarra e Picone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Premio Campiello su Rai 5, la cultura in tv diventa spettacolo scadente

prev
Articolo Successivo

Informazione in tv, quando si fa politica con la cronaca nera

next