Aggressioni, aumento del numero dei suicidi degli agenti, ridotto numero del personale, sovraffollamento delle carceri. I sindacati della polizia penitenziaria si sono ritrovati a Montecitorio per un presidio di protesta nel giorno del bicentenario del corpo. “Stiamo ritornando al numero di detenuti che aveva determinato la condanna della sentenza Torreggiani, quando l’Italia è stata condannata per trattamento inumano dei reclusi. E intanto il numero degli agenti è sceso di 3mila unità”, ha spiegato Salvatore Chiaramonte, segretario della FpCgil. “L’Italia ha aperto spazi, ma non ha rispettato lo spirito della sentenza. Lavorare per un futuro reinserimento del detenuto così è impossibile”, condividono dalla Fns Cisl.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’omosessualità (e l’omofobia) spiegata alla vip Giulia De Lellis

next
Articolo Successivo

Parcheggi disabili, come si misura l’inciviltà? “15 multe al giorno a Milano”. “Il disagio è incalcolabile”

next