L’ultimo caso di malaria autoctona, come quello che stando alle prime evidenze ha colpito Sofia, la bambina di 4 anni morta all’Ospedale di Brescia, risale al 1997 e fu riscontrato in provincia di Grosseto. Una donna di 60 anni, residente nell’entroterra di Castiglione della Pescaia, era stata colpita dalla malattia senza essersi mai recata all’estero, come la piccola di Trento. La 60enne fu ricoverata a metà agosto del 1997 e riuscì a salvarsi: nel suo caso l’infezione era stata determinata da un plasmodio della specie “vivax“, meno aggressivo rispetto al falciparum che ha colpito Sofia. Per giorni anche quello fu definito un caso criptico, fino a quando il 27 agosto si scoprì la causa del contagio: un bambino, figlio di un vicino di casa, ammalato di malaria. Il piccolo era stato punto da una zanzara ”anofele”, una specie quasi estinta in Maremma, che poi aveva infettato la donna.

Alla soluzione del caso arrivarono i medici della usl di Grosseto che accertarono il caso di malaria del bambino, originario di un Paese dove la malattia è diffusa. Il piccolo era stato colpito da una forte febbre, scambiata dal medico di base per una normale influenza. La malattia era durata una ventina di giorni e in questo periodo il piccolo era stato punto dalla zanzara. Il plasmodium del tipo “vivax” ha vissuto per due-tre settimane circa nell’insetto che poi ha punto la signora di Castiglione della Pescaia, infettandola. In quel caso, spiegarono gli esperti, si verificarono tutta una serie di circostanze particolari e concomitanti: la presenza di una zanzara “anofele” ancora attiva, l’esigua distanza tra l’abitazione del piccolo e quella della signora infettata, la stagione favorevole.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Malaria, bambina di 4 anni muore all’ospedale di Brescia. Ministro Lorenzin: “Forse contratta in ospedale a Trento”

next
Articolo Successivo

Vaccini, Lorenzin contro la moratoria del Veneto: “Irresponsabile”. Zaia: “Minaccia la sanità migliore d’Italia”

next