I protagonisti del mondo della rete. Da scoprire e votare entro il 15 settembre. Anche quest’anno tornano i Macchianera Internet Awards, gli oscar del web che dal 2003 premia i migliori siti, blog e personaggi del web. In gara c’è anche ilfattoquotidiano.it.

Trentatré sono le categorie degli awards, che verranno premiate durante la cerimonia del 16 settembre al Teatro Manzoni di Milano (via Manzoni, ingresso gratuito).

Dal personaggio dell’anno al miglior sito di satira, dal miglior articolo o post alla miglior community online. Ce n’è per tutti i social (Facebook, Twitter, Instagram, YouTube) e per tutti i media (non solo internet: anche tv, radio, cinema, libri…). Il sito del Fatto Quotidiano è in corsa come Miglior sito e come Miglior testata giornalistica, premio già vinto nel 2016 davanti a Internazionale e Repubblica.

Si può votare fino al 15 settembre, dando la propria preferenza per almeno 10 categorie. Appuntamento al giorno seguente per scoprire chi si è aggiudicato i premi più ambiti della rete.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Buondì Motta: la pubblicità è morta, lunga vita alla pubblicità

next
Articolo Successivo

Viva Charlie Hebdo, basta che non tocchi l’Italia

next