Una mamma disintegrata da un asteroide davanti agli occhi della figlia. Non è una sequenza di un disaster movie, ma il contenuto esplicito della nuova campagna pubblicitaria del Buondì Motta in onda da qualche giorno sui canali nazionali compresa la Rai. A segnalarlo è l’Aiart, l’associazione dei telespettatori e dei cittadini mediali che tramite il suo presidente Massimiliano Padula ha criticato aspramente lo spot dell’azienda produttrice delle storiche merendine, dando il via alla polemica. “Ho visto per la prima volta lo spot insieme a mio figlio di cinque anni – racconta Padula – che immediatamente ha esclamato: ‘La mamma è morta!’. Nello stesso tempo, ci sono arrivate tante segnalazioni che hanno evidenziato il cattivo gusto dei pubblicitari nel raccontare un momento importante di relazione familiare come quello tra madre e figlia. Nonostante i codici contemporanei della comunicazione pubblicitaria – spiega il presidente – siano sempre più sbilanciati su ironia, sarcasmo e immagini ad effetto, fatichiamo ad accettare una narrazione che mette in scena, in maniera così esasperata e demenziale, una morte”. Molte anche le critiche sui social network, dove lo spot sta circolando da qualche giorno. Ma c’è anche chi ci ride sopra: “Strepitosa! Possa un asteroide colpirmi…”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elogio dell’islam e del cristianesimo contro il fanatismo del mercato

prev
Articolo Successivo

Stupri Rimini, in uno Stato di Diritto la giustizia è uguale per tutti e tutte?

next