“Non è un pozzo, non è una sorgente: il lago di Bracciano è un sistema vivente. È la nostra grande bellezza, e sta marcendo. Senti l’odore?”. Flavio Mazzarini, vicepresidente del Comitato Difesa Lago di Bracciano, guarda allo specchio d’acqua e sospira. “Noi non ce l’abbiamo con Acea. Ma chiediamo all’azienda e agli azionisti una riflessione seria fatta con i comuni che circondano il lago: la gallina dalle uova d’oro sta morendo”, ovvero Trevignano Romano, Bracciano, Anguillara ma anche Manziana e Oriolo Romano. La secca è evidente a vista d’occhio. “Prima avevamo il problema contrario: spiagge troppo strette e poco spazio”, racconta Lorella Cozzatella. Vive qui da sempre, e ormai ogni giorno va a controllare l’abbassamento del livello dell’acqua. “Si sta prosciugando a vista d’occhio. Se vieni lunedì vedrai che il battello sarà arrivato a terra”. Quella stessa nave che ha smesso di percorrere il lago dal 2 agosto scorso, e che ora è parcheggiato accanto al misuratore del livello del lago. “Finirà che arriveremo da Bracciano a Trevignano a piedi”, chiosa. “Il massimo abbassamento per evaporazione è rappresentato da quattro millimetri al giorno”, aggiunge Fabio Musmeci, tecnico ambientale e attivista. “Il questo periodo, dato il caldo, saremmo a -80 sul livello del mare”, spiega ancora Mazzarini, che è anche presidente della commissione consigliare per la difesa del rischio idrogeologico del comune di Trevignano Romano. “Invece siamo a -180, ovvero il corrispettivo di un ragazzone alto quasi due metri”. Con tutto quello che ne consegue: i negozianti della zona lamentano più della metà dei turisti in meno per questa stagione e molti stabilimenti hanno chiuso. Non è solo a causa della siccità, assicura: “Abbiamo altri laghi in zona e non sono in queste condizioni”, aggiunge. “E non credo che c’entrino neppure gli allacci abusivi. Ci sono e la magistratura è giusto che indaghi, ma non credo sarebbero sufficienti a ridurre il lago in queste condizioni. Il punto, qui, sono le captazioni di Acea”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, tensione residenti-migranti nel quartiere Tiburtino. Accoltellato un eritreo: procura indaga per tentato omicidio

next
Articolo Successivo

Napoli, la parente di un paziente all’ospedale Cardarelli: “Cadavere per ore vicino al bagno”. La replica: “Falso”

next