Documenti e diversi floppy disk sono stati portati via dal museo dedicato a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Lo ha denunciato l’ex autista del giudice, Giovanni Paparcuri, scampato all’attentato di Capaci, che cura le stanze del ricordo all’interno del tribunale di Palermo.

Tra i documenti sottratti ce n’è uno a firma del giudice istruttore Rocco Chinnici, ucciso il 29 luglio 1983 con una Fiat 126 imbottita di esplosivo. “Io non ne faccio giri di parole, per cui non dirò se qualcuno per errore ha preso questi oggetti dall’interno del bunkerino è pregato di riportarli, dico soltanto che il pezzo o i pezzi di m… devono riportare: la relazione a firma del dottor Chinnici; la scheda comandi del wordstar che si trovava nell’ufficio del dottor Falcone e la confezione azzurra e grigia della Olivetti con all’interno diversi floppy”, ha scritto Papacuri su Facebook.

“È chiaro che il comunicato non è rivolto ai visitatori onestissimi e che non c’entrano nulla e con cui mi scuso, ma a quei disonesti che hanno approfittato della mia fiducia. Il periodo non ve lo dico, ma è facilmente desumibile dal giorno in cui sono state scattate queste foto ad oggi – dice mostrando le foto degli oggetti rubati – Sperate soltanto che dalle video registrazioni non si veda nulla”. Papacuri ha annunciato che mercoledì provvederà a denunciare il tutto alle autorità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sgomberi Roma, Digos nel palazzo di via Curtatone: trovati timbri, ricevute di pagamento ed elenchi di ‘dipendenti’

prev
Articolo Successivo

Terremoto Ischia, la visita di Mattarella: “La casa è una priorità. L’importante è rispettare le regole”

next