Anche le pornostar prendono la laurea. Non c’è peggior pregiudizio di chi pensa che il mondo del porno sia composto solo da ignoranti privi di scolarizzazione. Qualcuno ricorderà infatti quante volte veniva citato il padre ingegnere nucleare di Moana Pozzi, quasi come se l’affascinante attrice genovese avesse avuto bisogno di una patente “culturale” da mostrare al mondo. Ad ogni modo i tempi sono cambiati e oggi tra lauree brevi e atenei sparsi in ogni angolo di globo la percentuale di pornostar laureate sembra essersi alzata vertiginosamente. Ecco allora otto star del porno rigorosamente laureate in tempo e alcune perfino con lode.

NINA HARTLEY – Pioniera in ogni ambito del porno, perfino nei tutorial per giovani e anziani contro le malattie a trasmissione sessuale, la 58enne pornostar californiana si è laureata addirittura nel 1985. Laurea molto specifica, ma ottenuta alla San Francisco State University, in scienze infermieristiche. Con lode. Per pagarsi gli studi ha lavorato come spogliarellista.

Porno e università, quando le dive dell’hard si laureano a pieni voti

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Breve storia (incompleta) dei miei orgasmi, quando fui sconfitto da Gullit

prev
Articolo Successivo

Sesso, vuoi far provare piacere a una donna? Non imparare da film e siti porno. Ecco i consigli della scrittrice Gail Dines

next