A PIEDI NUDI – Andrea Bianchi (Edicicloeditore)

C’è modo e modo di passeggiare, per monti e per spiagge, per pinete e per boschi. Andrea Bianchi lo fa senza scarpe. Scalzo. E lo insegna pure a centinaia di persone che seguono i suoi workshop en plein air. Un riassunto di questa esperienza di contatto nudo del corpo umano con il terreno sotto i piedi, compreso di alfabeto dalla A alla Z, è pubblicato da edicicloeditore con A piedi nudi. E non c’è nulla della retorica del guru esistenziale nelle parole di Bianchi che tra Acqua, Neve, Tallone e Idroterapia, sembra come impostare un discorso di benefico e stimolante rapporto del sé con la natura circostante e col mondo, levandosi semplicemente scarpe e calzini. Attenzione: nessuna filosofia hippie, ma sempre camminate su sentieri, selciato, foglie, pietre, e soprattutto di piedi nudi dentro l’acqua ghiacciata da alternare a catini di acqua calda magari offerti da rifugi e baite di montagna. Una curiosità: “In un piede si concentrano in maniera funzionale ed integrata 26 ossa (il 25% di tutte del nostro corpo), 33 articolazioni, 107 legamenti, 19 muscoli, 250000 ghiandole sudoripare, 7200 terminazioni nervose, ma tutto ciò è più semplicemente e immediatamente conoscibile con un’azione a portata di (quasi) tutti: camminare scalzi”.

INDIETRO

Da Tondelli a Cognetti, dieci libri imperdibili da leggere a Ferragosto

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fotografia, da Cesare ad Arturo, finalmente una mostra celebra il talento di Zavattini jr.

prev
Articolo Successivo

Robot, a Pisa l’automa Yumi debutta come direttore d’orchestra: eseguirà un’aria di Verdi insieme a Bocelli

next