BREVE STORIA DELLA PIOGGIA – Alain Corbin (EDB)

Estate stitica per pioggia, temporali, tempeste e affini. Almeno per tre quarti d’Italia. Ecco allora il manualetto utile per invocare qualche goccia. Breve storia della pioggia (EDB) scritto dallo storico francese Alain Corbin è un agilissimo pamphlet che mostra come si sia evoluto nei secoli il rapporto tra l’uomo (specificatamente occidentale) e la pioggia. Stendhal che la detesta, Baudelaire che la rende componente essenziale dello spleen, ma anche le numerose testimonianze estatiche di diaristi, artisti, cortigiani e anime sperdute sotto scrosci d’acqua che sembrano non finire mai. Ci sono perfino sovrani e governanti che per senso di comunanza col popolo sfidano gli acquazzoni in pubbliche piazze tra cortei e celebrazioni all’aperto senza aprire ombrelli. Dall’intervento divino o dalla collera del maligno di medioevale memoria, infine, alle previsioni meteorologiche del tempo che farà. Con buona pace di Fabio Fazio.

INDIETRO

Da Tondelli a Cognetti, dieci libri imperdibili da leggere a Ferragosto

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fotografia, da Cesare ad Arturo, finalmente una mostra celebra il talento di Zavattini jr.

prev
Articolo Successivo

Robot, a Pisa l’automa Yumi debutta come direttore d’orchestra: eseguirà un’aria di Verdi insieme a Bocelli

next