Prima (e unica) medaglia per l’Italia nei Mondiali di atletica leggera. E arriva a passo di marcia. Antonella Palmisano è riuscita a conquistare il terzo posto, completando i 20km di marcia in 1h26’36. Oro alla cinese Jiayu Yang in 1h26″19, argento alla messicana Maria Guadalupe Gonzalez.

Squalificata la cinese Xiuzhi Lyu a poche centinaia di metri dall’arrivo, mentre era nelle prime tre, davanti all’azzurra. Quattordicesima e quindicesima posizione per le altre due italiane in gara, Eleonora Giorgi e Valentina Trapletti, che chiudono in 1h30’34” e 1h30’35”.

Era da quattro anni che gli azzurri non salivano sul podio nei Mondiali di atletica leggera, da quando Valeria Straneo conquistò l’argento nella maratona ai Mondiali di Mosca. Sempre una donna e sempre nelle gare di fondo.

Ho dato tutto fino alla fine e mi sono accorta a due metri dall’arrivo della squalifica della cinese – ha commentato la 26enne tarantina ai microfoni di RaiSport – Io pensavo alla mia gara, non mi sono soffermata sulle irregolarità tecniche delle altre, preferisco sempre concentrarmi su me stessa. Mi godrò questa medaglia che voglio dedicare al mio fisioterapista come regalo di compleanno e a mia nonna che ha avuto qualche problema di salute”. Un bronzo che vale oro e che di certo farà dimenticare alla Palmisano il quinto posto dei Mondiali di Pechino 2015 e il quarto di Rio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali Londra 2017: Usain Bolt e Mo Farah, stelle comete dell’atletica

prev
Articolo Successivo

Usain Bolt, si ritira il più grande di tutti. L’ovazione di Londra è da brividi

next