È morto di stenti e per il caldo il cane abbandonato sul terrazzo a Terni dalla padrona partita per le vacanze. A rinvenire l’animale, in seguito ad una segnalazione, gli agenti del Nucleo di Vigilanza Ambientale della Polizia Municipale, intervenuti insieme a tre guardie zoofile dell’Enpa. Il corpo dell’animale si trovava su un terrazzo nella zona di San Valentino, dove gli agenti sono potuti entrare dopo aver contatto un familiare dell’affittuaria dell’appartamento. Secondo quanto riportato dalla relazione degli agenti, sul terrazzo c’erano solo due ciotole completamente vuote e un contenitore di cibo essiccato, mentre la serranda della portafinestra era abbassata fino a pochi centimetri da terra senza consentire l’ingresso dell’animale in casa. La proprietaria del cane sarà ora denunciata.

L‘Associazione Earth Umbria chiede, tramite un comunicato pubblicato sul sito, chiede “massima attenzione e un controllo di verifica accurato nei confronti di tutti i cani lasciati all’interno di giardini, cantieri o altro”. L’associazione invita, inoltre, a fare “applicare tutte le norme di legge per la salvaguardia degli amici a quattro zampe soprattutto in condizioni di caldo come in questi giorni ed in vista della partenze per le vacanze di molti cittadini”. Non esporre gli animali al caldo e non lasciarli senza acqua e cibo le raccomandazioni riportate. “Si invita inoltre tutta la cittadinanza a segnalare agli enti preposti situazioni incresciose di questo genere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Msf: “Sospendiamo l’attività di soccorso dopo le minacce della Guardia costiera libica”

prev
Articolo Successivo

Abbattuta l’orsa Kj2 in Trentino, ferì un uomo. Animalisti: ‘Boicottiamo Provincia’. Il governatore Rossi: “Prima la sicurezza”

next