Questa volta hanno distrutto alcune cabine in legno per farne legna da ardere nei falò della notte di San Lorenzo. E salgono così a tre gli atti vandalici nella spiaggia libera attrezzata per disabili che l’amministrazione di Margherita di Savoia, in provincia Bat, ha inaugurato lo scorso anno sul lungomare Cristoforo Colombo.

Per l’assessore alle Politiche sociali, Francesco Bilardi, si tratta di “episodi di una viltà inaudita, quasi quella spiaggia attrezzata dia fastidio a qualcuno”. Da metà luglio, il lido ideato per disabili e anziani è stata resa fruibile grazie al progetto “Mare senza barriere”, realizzato per il secondo anno consecutivo e gestito alla cooperativa Apulia onlus di Cerignola, l’unica resasi disponibile dopo che il bando per l’affidamento della gestione della spiaggia attrezzata, era andato deserto.

Sul primo belvedere sono stati allestiti un punto di primo soccorso, uno spogliatoio e una pedana coperta per accogliere disabili e anziani, oltre all’installazione di bagni chimici. Ma dopo pochi giorni dalla sua entrata in funzione, la spiaggia attrezzata è stata presa di mira dai vandali che hanno danneggiato la struttura nella quale viene ospitato il punto di primo soccorso. Nella seconda occasione oltre a danneggiare completamente quella struttura in legno, sono stati presi di mira i bagni chimici.

Poi è toccato alle cabine e nuovamente alla capannina adibita a punto di primo soccorso: è stata distrutta e l’amministrazione ha dovuto provvedere all’acquisto di una nuova struttura. Gli episodi hanno spinto il Comune ad attivare un servizio di guardiania notturna e a programmare l’installazione di una telecamera di videosorveglianza. “Se il primo episodio registrato quest’anno potrebbe far pensare ad una ragazzata – commenta l’assessore Bilardi – gli altri due eventi mi fanno pensare ad un accanimento terapeutico da parte di qualcuno a cui, forse, dà fastidio questo progetto”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Viareggio, il sindaco si presenta in abito scuro alla cena pacificatrice in bermuda nel ristorante che lo ha cacciato

next
Articolo Successivo

Migranti, Msf: “Sospendiamo l’attività di soccorso dopo le minacce della Guardia costiera libica”

next