Sono entrati di notte nello suo piccolo studio, dove trascorre il tempo a scrivere e scolpire il legno. I vandali hanno utilizzato una scultura di bronzo – presa all’esterno della bottega – e hanno infranto la vetrata. Ma lui, lo scrittore e scalatore Mauro Corona, era all’interno a riposare e ha deciso di inseguirli. A piedi nudi e con un’accetta. “Ringrazio sant’Antonio per non essere riuscito a raggiungerli, perché li avrei ammazzati senza pietà”, ha spiegato l’artista che vive e lavora a Erto e Casso, in provincia di Pordenone.

L’episodio, accaduto nella notte tra sabato e domenica, è stata raccontato da Il Gazzettino. I vandali -tre, a quanto pare – hanno colpito anche in altre zone del paese. Corona è certo che si tratti di un gruppo di giovani arrivato in Valcellina per partecipare a una manifestazione sportiva: a suo avviso, avrebbero perso il controllo dopo aver bevuto fino a notte fonda: “Non bisogna dire che sono ragazzate, non è così – ammonisce lo scrittore – A me non disturba il danno economico e il fastidio di dover sostituire la vetrata, ma l’affronto, l’ umiliazione e la vigliaccheria dimostrata. Questi sono dei delinquenti”.

Indagini in corso da parte delle forze dell’ordine che stanno analizzando i filmati della videosorveglianza: una telecamera potrebbe aver inquadrato i vandali proprio mentre fanno cadere la scultura sulla vetrata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ater, cronaca di una crisi annunciata. Tra case in cambio di voti e affari dei clan, il 51% degli affitti non viene pagato

prev
Articolo Successivo

Milano, un uomo investito da un tram: ma è un’esercitazione dei vigili del fuoco

next