Abbiamo provato l’Aegis 3 su Assetto Corsa, For Honor, Overwatch, PLAYERUNKNOWN’s Battlegrounds e Titanfall 2, per i primi 3 abbiamo anche eseguito delle sessioni di benchmarking simili a quelle eseguite recentemente sull’MSI GP62M Leopard testando 3 impostazioni di settaggi grafici (Estremi, Alti e Medi), ma questa volta provando anche 3 diverse risoluzione (2560×1440, 1920×1080 e 1600×900).

Per visualizzare i grafici per una risoluzione diversa cliccare sull’immagine (o sull’anteprima in basso)

Assetto Corsa

Il benchmark interno di Assetto Corsa consiste in un giro quasi completo di Spa-Francorchamps con 15 vetture di classe GT3 in pista e vista dall’abitacolo in cui vengono mostrati anche gli specchietti retrovisori. L’Aegis 3 in prova si è mostrato a suo agio con dettagli Estremi anche con la risoluzione più alta, mantenendo una media di 74 frame al secondo, raggiungendo quasi una media di 100 in risoluzione Full HD.

For Honor

Anche su For Honor abbiamo usato il tool di benchmarking integrato nel gioco stesso, quest’ultimo esegue un passaggio su varie zone di una mappa, passando da aree all’aperto ad aree al chiuso ed attraversando una zona in cui due gruppi di soldati si danno battaglia; nei grafici per ogni livello di dettaglio abbiamo riportato il framerate medio totale ed il framerate dell’area di battaglia. Alla risoluzione più alta (2560×1440) con dettagli estremi il framerate medio si posiziona appena sotto i 70 al secondo mantenendo un livello ottimale, nella zona con la battaglia in corso il pc soffre un po’ scendendo ad una media di 57fps, poco al di sotto dei 60 ma pur sempre un livello accettabile; in Full HD l’Aegis va in scioltezza con una media di 91 frame al secondo nella zona di battaglia e di quasi 110 generale.

Overwatch

In assenza su Overwatch di un tool interno che garantisca la ripetibilità della prova tra settaggi e risoluzioni diverse, abbiamo optato per effettuare una semplice prova effettuando con un singolo personaggio dei circuiti all’interno della mappa “Mercato Notturno di Lijiang“, attraversando ambienti chiusi ed aree all’aperto ed evitando di mirare alla skybox, i cui risultati trovate nei grafici sovrastanti. Dopodichè abbiamo giocato alcune partite online, con dettagli massimi, alle 3 risoluzioni dove il PC si è comportato abbastanza bene ottenendo mediamente 76fps a 2560×1440, 89 a 1920×1080 e 105 a 1600×900, se puntate però a 120fps o più dovrete abbassare i dettagli grafici; per quanto i valori medi da partita a partita a parità di risoluzione siano risultati vicini non possono però rappresentare un valore oggettivo di confronto in quanto in base agli eroi in campo e alle abilità usate lo sviluppo grafico cambia e non si riesce a garantire una ripetibilità esatta.

Titanfall 2 & PLAYERUNKNOWN’s Battlegrounds
Su Titanfall 2 abbiamo giocato a due missioni della campagna (terza e quarta), a 2560×1440 con settaggi Alti/Estremi, ottenendo una media su oltre un’ora di dati registrati nell’intorno dei 140fps (il gioco permette di impostare il limite massimo a non più di 144), riuscendo a godere di un’ottima fluidità di gioco anche nei momenti più concitati degli scontri con Titan e soldati nemici.
Anche con PLAYERUNKNOWN’s Battlegrounds – titolo del genere battleroyal che nell’ultimo periodo sta avendo un ottimo successo sia di vendite che di spettatori su twitch – abbiamo giocato mantenendo la risoluzione a 2560×1440 e settaggi ai livelli più alti, l’Aegis 3 si è comportato abbastanza bene nelle varie partite che abbiamo giocato restando generalmente oltre i 60fps; abbiamo avuto alcuni casi di cali di framerate, se non addirittura di freeze, ma sono però attribuibili al gioco stesso che soffre ancora di alcuni problemi di gioventù (è in fase di Beta/Accesso anticipato).

INDIETRO

MSI Aegis 3: la prova del desktop compatto da gaming del produttore taiwanese

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Foia e Pa, il ministero della Giustizia viola la trasparenza. E i cittadini vincono il ricorso

next
Articolo Successivo

Intelligenza artificiale, cosa può andare storto?

next