Il fronte delle organizzazioni non governative si spacca sul codice di condotta per le Ong che fanno Ricerca e Soccorso (SAR): Medici senza frontiere non firma, mentre firma Save the children Italia. “Non possiamo accettare prima di tutto la presenza di ufficiali militari e armi a bordo richiesta dal codice”, spiega il direttore generale di MSF Italia, Gabriele Eminente, al termine dell’incontro decisivo al Viminale. “In tutto il mondo chiediamo che le armi restino fuori dagli ospedali di Msf, anche, ad esempio, in Afghanistan. Per le nostre navi vale lo stesso”. Cosa cambia ora? Non è chiaro. “Noi auspichiamo di continuare la proficua collaborazione con le istituzioni italiane e con la Guarda costiera e continueremo a fare riferimento alle leggi nazionali e internazionali che già esistono”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cassazione, i giudici: “Gli immigrati irregolari con disabilità non possono essere espulsi”

next
Articolo Successivo

Migranti, Save the children Italia: “Ok a Codice di condotta Ong. Ci spiace che Msf non abbia firmato”

next