Possono gli operai votare per lo stesso partito dei padroni? Un paio di secoli di storia post industriale dicono di no. Gli ultimi vent’anni di bipolarismo italiano suggeriscono invece la risposta opposta. Qualcuno, però, sembra voler invertire la tendenza. Se Sergio Marchionne ha annunciato più volte l’intenzione di voler votare per Matteo Renzi, ecco che oggi una pattuglia di suoi dipendenti scaricano, nel vero senso della parola, il Pd.  A meno di un anno dalla sua nascita, infatti, il circolo dem dello stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco perde il segretario e rischia di dire addio ai suoi circa 35 iscritti.

L’annuncio l’ha fatto Gerardo Giannone, segretario del circolo di fabbrica, che spiegato di non avere intenzione di rinnoverà la tessera del partito. Lascerà quindi la segreteria di quella che era l’unica sezione politica nello stabilimento automobilistico campano. L’addio arriva a meno di un anno dalla costituzione del circolo stesso, che da settembre 2016 aveva raccolto alcune decine di iscrizioni tra le tute blu, quasi tutte pronte a seguire Giannone nel dire addio al Partito democratico. “Non ci sentiamo più rappresentati – ha detto il leader degli operai – abbiamo rincorso questo Pd, abbiamo sognato che mettesse al centro dei propri obiettivi la classe operaia. Ma così non è stato, allora lascio, e con me verranno via anche gli altri operai iscritti al circolo stesso”.

Il bello è che Giannone  e suoi non si ritireranno certo dalla vita politica. Al contrario sono pronti ad aderire ad Articolo 1 Mdp, il movimento nato dalla scissione di Pier Luigi Bersani, Roberto Speranza e Massimo D’Alema. Da settembre, quindi, l’unica organizzazione politica attiva tra gli operai della Fca di Pomigliano potrebbe diventare un avamposto degli scissionisti anti Renzi, il leader caro all’ad Marchionne. Come dire: D’Alema non è proprio la lotta di classe, ma è meglio di niente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vitalizi, perché è solo un’odiosa legge suicida

prev
Articolo Successivo

Vitalizi, D’Attorre (Mdp) vs Migliore (Pd): “Insabbierete legge al Senato”. Baldelli (Fi) sbotta: “Vi porto un caffè?”

next