Aggressione a mano armata al grido di “Allah akbar” in un valico di confine tra Beni Ansar e la città autonoma spagnola di Melilla, nella costa orientale del Marocco. Un uomo armato di coltello ha aggredito un poliziotto di frontiera, ferendolo in modo lieve, per poi essere neutralizzato da un altro agente, che lo ha colpito alle spalle con uno spartitraffico in plastica. Non si conoscono le generalità dell’uomo, né i motivi del gesto, ma la Polizia spagnola esclude la matrice terroristica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Polonia, Commissione Ue contro riforma della giustizia: “Pronte serie misure punitive”

prev
Articolo Successivo

Charlie, l’Alta Corte di Londra: “Se non c’è accordo tra famiglia e ospedale morirà in hospice. Segreto il giorno”

next