Aggressione a mano armata al grido di “Allah akbar” in un valico di confine tra Beni Ansar e la città autonoma spagnola di Melilla, nella costa orientale del Marocco. Un uomo armato di coltello ha aggredito un poliziotto di frontiera, ferendolo in modo lieve, per poi essere neutralizzato da un altro agente, che lo ha colpito alle spalle con uno spartitraffico in plastica. Non si conoscono le generalità dell’uomo, né i motivi del gesto, ma la Polizia spagnola esclude la matrice terroristica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Polonia, Commissione Ue contro riforma della giustizia: “Pronte serie misure punitive”

next
Articolo Successivo

Charlie, l’Alta Corte di Londra: “Se non c’è accordo tra famiglia e ospedale morirà in hospice. Segreto il giorno”

next