Un bambino di due anni è morto annegato nelle acque del diramatore di Vigevano, un canale artificiale che scorre tra le province di Novara e di Pavia. Trascinato dalla corrente il corpo è stato recuperato nella zona di Romentino. Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente e le forze dell’ordine sono impegnate a comprendere cosa sia accaduto. Il piccolo si trovava a Galliate, dove viveva con la famiglia. Secondo le prime ricostruzioni e il racconto di alcuni testimoni, sembra che il piccolo sia scivolato nel canale artificiale e sia stato portato via dall’acqua senza che nessuno riuscisse ad intervenire. A dare l’allarme della scomparsa del bambino è stata la madre.

Su Facebook il sindaco di Romentino Alessio Biondo, che ha seguito l’intervento dei soccorritori, ha espresso il suo cordoglio: “Purtroppo non ce l’ha fatta il piccolo Norman, 2 anni, disgraziatamente caduto nel diramatore Vigevano all’altezza del Varallino. Il corpicino è stato ritrovato esanime a Romentino. Grazie ai vigili urbani, ai carabinieri, alla Protezione civile, alla Croce Rossa e a tutti i volontari che si sono prodigati questa mattina nelle ricerche. Che riposi in pace”. Sulla vicenda indagano i carabinieri.

“Quando un bambino di neppure tre anni muore annegato si tratta di una tragedia che colpisce tutti”. Sulla morte di Norman è intervenuto anche il sindaco di Galliate, Davide Ferrari. “Ringrazio le forze dell’ordine, i vigili del fuoco, la nostra polizia locale – spiega all’Ansa il primo cittadino – per l’immediato intervento. Purtroppo, quando si è capito che era finito in acqua, ci si è dovuti rassegnare: riuscire a trovarlo ancora vivo sarebbe stato un miracolo”. Il piccolo, che doveva compiere tre anni, viveva con la famiglia a due passi dal canale artificiale, in un accampamento di roulotte che negli anni si è trasformato in un campo nomadi realizzato da piccole casette. A separarlo dal corso d’acqua soltanto una strada. “A dare l’allarme è stata la madre – conferma Ferrari – perché non riusciva più a trovarlo. La speranza di tutti è che fosse finito nel campo di granoturco al lato della strada. Lo hanno cercato anche lì, ma ben presto si è capito che era finito in acqua. Lungo il diramatore le barriere – conclude il sindaco di Galliate- mancano in diversi punti, ma forse non sarebbero servite. Un bambino di quell’età riesce a infilarsi ovunque…”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Preti pedofili, per l’Osservatore Romano le violenze di Ratisbona sono cose da caserma

next
Articolo Successivo

San Benedetto del Tronto, grandinata “imbianca” e copre tutta la spiaggia

next