La commovente testimonianza Ken Sturdy, un veterano della seconda guerra mondiale ex-membro del ‘Corpo di spedizione britannico’, alla premiere di ‘Dunkirk‘, l’ultima pellicola di Christopher Nolan in uscita nelle sale italiane il 31 agosto prossimo. Il film racconta la storia dell’evacuazione delle forze alleate – circa 330mila soldati tra francesi e inglesi – rimaste bloccate nel città portuale francese di Dunkerque (in inglese ‘Dunkirk), tenuta sotto scacco dalle ‘Panzer- division’ tedesche. “Guardando il film ho rivisto molti dei miei vecchi amici, molti dei quali sono morti in guerra” afferma il 97enne che si definisce un privilegiato, essendo uno dei sopravvissuti ancora in vita della colossale operazione di evacuazione via mare, avvenuta dal 27 maggio al 4 giugno 1940. E conclude con un messaggio di estrema lucidità: “Noi, la specie umana, siamo così intelligenti e sorprendenti: possiamo andare sulla luna, ma continuiamo a fare cose così stupide”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gerusalemme, i luoghi sacri non si difendono con i mitra

next
Articolo Successivo

Sesso orale con una prostituta mentre è alla guida, il video inchioda l’autista di Uber. Cliente infuriato: “Viaggio infernale”

next