Agli appassionati di Boris, che da anni chiedono a gran voce un ritorno dell’acclamata e geniale serie, sarebbe bastato molto meno per farsi prendere dall’entusiasmo. Se poi è Francesco Pannofino, interprete del regista cult Renè Ferretti, a dire pubblicamente che “Boris probabilmente avrà un prosieguo”, ecco che l’entusiasmo aumenta e le speranze si trasformano in concrete possibilità.

Boris, serie di Fox andata in onda dal 2007 al 2010 e poi sbarcata addirittura al cinema, rappresenta uno dei fenomeni televisivi più interessanti degli ultimi anni, con una fanbase cresciuta negli anni e formata anche da chi, all’epoca, non aveva visto neppure un episodio delle vicende della sgangherata troupe de “Gli occhi del cuore”. Frasi-tormentone diventate di uso comune (“Dai, dai, dai”, “Cagna maledetta”, “Smarmella”) hanno poi alimentato il fenomeno anche negli otto lunghi anni che sono passati dall’ultima puntata e nei sette da quando è uscito il film.

L’occasione pubblica in cui Pannofino ha fatto cenno alla possibilità di un ritorno era quella del Campus Party di cui era ospite, e anche se si è trattato davvero di qualche secondo, la notizia è diventata subito di quelle succose, soprattutto per i tanti appassionati orfani di Biascica o di Stanis. Resta da capire se quello di Pannofino sia un auspicio, una voce dal sen fuggita o qualcosa di più strutturato e reale e soprattutto se sarà ancora Fox a produrre l’eventuale sequel o se entrerà in gioco Netflix, del cui coinvolgimento in un possibile ritorno si era già mormorato in passato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Daria Bignardi lascia la direzione di RaiTre, il nuovo corso di viale Mazzini miete una vittima illustre

next
Articolo Successivo

Temptation Island, tale Alessio e il mistero della fellatio

next