Tremila emendamenti al testo e la legge sul Biotestamento slitta a settembre con il rischio concreto che non veda mai la luce. Chi si aspettava la tanto promessa discussione al Senato per il 25 luglio dovrà aspettare ancora: Palazzo Madama potrà occuparsene in autunno, quando però ci sono tanti altri provvedimenti ritenuti più urgenti che dovranno essere discussi prima della fine della legislatura. Lo slittamento è stato annunciato dalla presidente della commissione Sanità Emilia Grazia De Biasi nelle scorse ore: “Dubito che si riesca a fare tutto prima della pausa estiva: 3mila richieste di modifica sono concretamente impossibili da valutare in commissione e propongo di andare direttamente in Aula senza il mandato del relatore”. La notizia è stata accolta con grande delusione dall’Associazione Coscioni: “E’ un tradimento delle promesse”. La De Biasi si è giustificata dicendo che il governo è vittima di “ostruzionismo”: “Siamo in presenza di un atteggiamento di ostruzionismo, vista la grande quantità di interventi previsti in commissione e la presentazione di 3mila emendamenti. Ciò rende il percorso molto accidentato”.

I rappresentanti dell’associazione Mina Welby e Matteo Mainardi hanno denunciato: “Seppur nella prima settimana di luglio i capigruppo in Senato avessero calendarizzato la discussione in Aula del testamento biologico per il 25 luglio, la promessa è stata tradita. La legge rimane infatti ancora ostaggio della Commissione Igiene e Sanità”. Questo “pericoloso slittamento della trattazione”, proseguono “fa apparire sempre più chiaro l’obiettivo dei partiti di opposizione tanto quelli di maggioranza, anche contro la buona volontà di tantissimi loro parlamentari: far saltare la legge sul testamento biologico anche in questa legislatura”. Nel frattempo, sul sito della campagna Eutanasia Legale è stato attivato un sistema che dà la possibilità ad ogni cittadino di contattare i parlamentari per avere informazioni in merito. Risposte sono arrivate dai senatori Pd. “L’approveremo prima della fine della legislatura. Promesso”, è il messaggio di Pietro Ichino. “Per quanto nelle mie possibilità farò di tutto per fare in modo che la legge sia approvata”, è stato il commento di Laura Puppato. Infine da Monica Cirinnà è arrivato l’impegno di approvare la legge senza ulteriori modifiche.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, presidio free-vax a Montecitorio. Imposimato invita alla disobbedienza: “Genitori, non lo applicate”

next
Articolo Successivo

Omofobia, gestore casa vacanze calabrese postava da tempo commenti anti-gay su Facebook: “Omosessuali? Fucilazione”

next