Le città più pericolose del mondo? Nella classifica delle prime dieci ci sono Raqqa, la capitale siriana dello Stato Islamico, Saint Louis (Usa), giudicata esempio di pericolosità per il Nord America, e Perth, ‘paradiso’ delle droghe sintetiche in Australia. Ma nella top chart del Sun – che le ha scelte in base alle loro caratteristiche negative, dal terrorismo alla droga, dagli omicidi alla presenza di gang mafiose o criminali, dalla guerra, ai disordini razziali, alla violazione dei diritti umani – c’è anche Napoli, additata come la città più pericolosa dell’Europa occidentale. Descritta come la Gomorra di Saviano, spicca per omicidi, diffusione della droga, presenza di cosche e gang.

Il tabloid britannico descrive le ‘esecuzioni’ di camorra come un fatto comune e parla della città partenopea come di un luogo “noto per i legami con il crimine organizzato“. Tratteggia poi la camorra come un’organizzazione meno gerarchica rispetto alla o alla ‘ndrangheta calabrese, raccontando di scontri “frequenti” fra i clan, di una lotta spietata per il controllo del mercato degli stupefacenti, della diffusione di “baby gang” con affiliati anche “12enni” al servizio di “boss più anziani che si spartiscono il territorio”. Sostiene inoltre che la criminalità è vista come una strada verso il benessere da tanti giovani anche a causa della disoccupazione. “La città – azzarda infine il tabloid inglese – ha una reputazione talmente cattiva in Italia che la frase vai al diavolo” sarebbe stata trasformata “in italiano” in qualcosa come “va a fa Napoli“.

Nella lista nera del Sun altre città da evitare sono Caracas per l’America del Sud, San Pedro Sula (Honduras) in quella centrale, Kiev per l’Europa orientale, Grozny (Cecenia) per Russia e Asia centrale, Karachi (Pakistan) per il subcontinente indiano, e Manila per l’Estremo Oriente asiatico. La cartina “della paura” tracciata dal giornale indica – secondo criteri non esattamente omogenei – i centri urbani ritenuti più a rischio in 10 aree diverse aree geografiche del mondo, scelti per le ragioni più varie: ne esce una mappa in cui il capoluogo campano è additato come la città più pericolosa dell’Europa occidentale, accanto a luoghi come Mogadiscio (in Somalia, la peggiore in Africa) o addirittura Raqqa (capitale dell’Isis in Siria, indicata per il Medio Oriente).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rompiamo il silenzio mediatico sull’Africa, l’appello di padre Zanotelli ai giornalisti italiani

prev
Articolo Successivo

Razzismo e xenofobia, contro il quotidiano di Vittorio Feltri la campagna #Liberodallodio

next