E’ rimasto in maglia gialla Chris Froome ma per il britannico non è stata una giornata semplice. Il capitano della Sky ha forato quando mancavano 40 km al traguardo e ha dovuto faticare non poco, insieme ai compagni, per non perdere terreno da Fabio Aru e Bardet. Kwiatkowski gli passa la ruota e Froome riparte con 45 secondi di ritardo. Fondamentale l’aiuto di Landa. Dopo averli raggiunti il britannico ha potuto controllare e difendere la leadership, conservando 18″ sul sardo e 23″ sul francese, che ha provato l’affondo sulla salita senza però incidere davvero. Sempre attento e concentrato l’azzurro della Astana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Juventus, Tacchinardi sulla cessione di Bonucci: “Perdita importante, ma…”

next
Articolo Successivo

Cervia, Bobo Vieri show: “Ad avere i soldi di Inzaghi…” ma l’esecuzione canora è da 4

next