L’Organizzazione mondiale della Sanità ha citato l’Italia in una relazione sulla “preoccupazione” per i focolai di morbillo che si stanno registrando in Europa e che hanno causato 35 morti negli ultimi 12 mesi. E proprio oggi arrivano i numeri relativi a giugno 2017 dell’Istituto superiore della Sanità. Un mese nel quale i casi di morbillo nel nostro paese sono stati 400. Un boom che corrisponde a un aumento del 370% su giugno dell’anno scorso. Salgono quindi complessivamente a 3.500 da inizio anno i contagi segnalati: nel 35% dei casi è stata registrata almeno una complicanza e 2 sono stati i decessi.

Ad aggiornare i dati è il 16esimo bollettino settimanale (Settimana di riferimento 3-9 luglio 2017) nato per monitorare e descrivere in modo tempestivo l’epidemia di morbillo in corso nel nostro Paese da gennaio 2017. L’89% dei contagiati non era vaccinato, il 6% vaccinato con una sola dose. Il 41% è stato ricoverato, il 22% ha fatto ricorso al pronto soccorso. Il 56% dei casi è stato registrato tra 15 e 39 anni, il 6% invece, ovvero ben 210 casi, ha riguardato bimbi sotto l’anno di vita, i più a rischio e quelli che ancora non possono essere vaccinati. Registrati, infine, 255 casi tra operatori sanitari, più a rischio di trasmettere la malattia a persone immunodepresse.

Rispetto alla precedente rilevazione (26 giugno-2 luglio), le infezioni sono 155 in più. Sempre due i morti, il bambino leucemico in cura all’ospedale San Gerardo di Monza e la bimba con cromosomopatia deceduta al Bambino Gesù di Roma. I casi fra gli operatori sanitari sono 255, 3 in più rispetto al precedente bollettino. Secondo le statistiche riportate dagli esperti, l’89% dei pazienti non era vaccinato, mentre il 6% era vaccinato con una sola dose. Il 35% ha avuto almeno una complicanza (il 41% è stato ricoverato e il 22% è finito in pronto soccorso). La fascia d’età più colpita resta quella fra i 15 e i 39 anni (56% dei casi), mentre l’età media dei pazienti è 27 anni. Quanto alla ‘mappa’ dei casi, il primato resta del Lazio, a quota 1.155 infezioni registrate, che continua a staccare le altre Regioni. Seguono infatti il Piemonte fermo a 599 casi, la Lombardia salita a 551 e la Toscana (344).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini in farmacia, passa emendamento al decreto. Critici medici e pediatri: “Garantire la presenza di un medico”

next
Articolo Successivo

Antartide, l’iceberg da record si stacca. Le immagini dal satellite: “Grande due volte il Lussemburgo”

next