Lo hanno fermato a Durazzo mentre raggiungeva un’amico. L’unica occasione possibile per prenderlo dato che in Albania Alket Hatija viveva in una villa con bunker a Berat ed era continuamente circondato da guardie del corpo armate. Un trattamento obbligato per quello che è considerato uno dei più grandi signori della droga a Milano.

Come anticipato dal primo numero di Fq MillenniuM, il mensile del Fatto Quotidiano, è la mafia albanese l’associazione criminale emergente in Europa, capace ormai di gestire i grandi traffici di cocaina, eroina e marijuana dal Sud America fino al Vecchio Continente. L’ultima operazione dei Carabinieri di Milano lo dimostra. Su indicazione della sezione Catturandi del comando provincia dell’Arma la polizia albanese ha arrestato Hatija, notificandogli un’ordinanza di esecuzione per una pena pari a 20 anni di carcere.

Gli viene contestato il trasporto a Milano, tra il gennaio 2003 e il marzo 2004, di 350 chili di eroina e 190 di cocaina. Carichi dal valore di 35-45 milioni di euro.  Hatija era un trafficante “pulito”, non toccava un grammo di sostanza ma grazie al telefono (cellulari rigorosamente usa e getta) spostava montagne di droga. Il trasporto avveniva tramite cargo dall’Albania verso l’Italia, su camion con targhe europee e auto che attraversavano il confine nel nord Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valle d’Aosta, anche documenti che richiamano la massoneria nell’ufficio del presidente

prev
Articolo Successivo

Incendi, Campania e Sicilia bruciano. Sul Vesuvio 2 chilometri di fuoco, danni ingenti e stato di calamità naturale a Messina. Fiorello: ‘Sembra Roma dopo Nerone’ – FOTO E VIDEO

next