Virginia Raggi? Secondo me non si deve dimettere. Si è colpevoli se si viene condannati, non con il rinvio a giudizio. Spero che facciano in fretta il processo. Se ha sbagliato qualcosa, la sindaca salta. Però la condanno politicamente“. Sono le parole del leader della Lega, Matteo Salvini, nel corso di Otto e Mezzo (La7) a proposito del rischio di rinvio a giudizio a carico di Virginia Raggi per falso e abuso d’ufficio. “Parlando coi cittadini di Roma” – continua – “mi dicono che speravano in qualcosa di meglio. E’ anche vero che Virginia Raggi arriva dopo decenni di pessime amministrazioni. Il suo auto-voto pari a 7 e mezzo? Diciamo che è un po’ ottimistico. Io non le darei la sufficienza“. Alle critiche del giornalista Massimo Giannini nei confronti della sindaca di Roma e del doppiopesismo del M5S, Salvini obietta: “Ricordiamo che l’esempio viene dall’altro. Abbiamo un ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli, che ha mentito sui suoi titoli di studio e che è lì a fare il ministro. Di cosa stiamo parlando? Abbiamo un governo che sta litigando sui vaccini, sull’Europa, su tutto. E il nostro problema sarebbe la Raggi? Ma andiamo, su

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lite Mauro Corona – Andrea Purgatori: “Venga in montagna, la vedo pallido”. “Sono così perché mi lavo tutti i giorni”

prev
Articolo Successivo

M5s, Salvini: “Casaleggio? Non l’ho incontrato. Ma anche se fosse? Mica è un malavitoso”

next