Renzi? Non dico che mi sono offeso perché’ non sono il tipo, ma non si può passare da un’ora all’altra da Berlusconi e Pisapia“. Così il leader di Campo Progressista, Giuliano Pisapia, ospite di Dimartedì (La7), si esprime su un presunto accordo col Pd di Renzi. E sottolinea: “Il nostro è un progetto che in questo momento purtroppo è alternativo al Pd, perché la maggioranza del Pd non ci ha dato una risposta alla domanda di costruire insieme un programma. Io che ho contrastato le leggi ad personam e Berlusconi mi sono ritrovato a leggere, nello stesso giorno, nello stesso giornale e a distanza di un paio di pagine, che sarei la ‘stampella di Renzi’ o la ‘stampella di D’Alema’. Io non sono la ‘stampella’ di nessuno. Ho parlato con D’Alema, come parlo con tutti, e lui in questo momento ha una visione diversa dalla mia. Sono convinto che ora serva un nuovo centrosinistra più aperto e ampio”. E alla domanda del notista politico del Corriere della Sera, Massimo Franco, che gli chiede chi potrebbe essere il “mastice” super partes che terrebbe unita un’alleanza tra Pd e il partito di Pisapia, l’ex sindaco di Milano risponde: “Ci vorrebbe una personalità che ha vinto contro il centrodestra e che sia al di sopra delle parti. Sì, Romano Prodi. Se poi lui fosse disponibile come candidato a Palazzo Chigi, ci metterei la firma. Però mi sembra che lui non sia disponibile”. Il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, commenta: “Prodi avrà quasi 80 anni quando nascerà il prossimo governo. Intanto ha già detto che non ha nessuna intenzione di fare più nulla se non dare un contributo di idee, ma se una nuova sinistra è ridotta al punto da proporre agli italiani un ottantenne per il prossimo governo, a questo punto Berlusconi stravince

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pisapia vs Travaglio: “Ho letto quel sondaggio sul suo giornale, Il Foglio”. “Veramente è Il Fatto”

prev
Articolo Successivo

Pd, Renzi: “Pisapia? Non mi ha invitato il 1 luglio. Se mi riesce vado al concerto di Vasco”

next