“Nessuno è profeta in patria” dicevano gli antichi e sembra essere così anche a Genova, dove il Movimento 5 Stelle alle amministrative perde 9 punti percentuali rispetto alle Regionali del 2015 nella città del leader Beppe Grillo. E nonostante il fondatore cerchi di ridimensionare la sconfitta, a oltre 12 ore dalla chiusura delle urne nessuno dello staff  si è presentato davanti alla stampa per commentare il risultato. L’aspirante sindaco Luca Pirondini prima ha convocato una conferenza stampa (a mezzogiorno presso il point elettorale) per poi annullarla a un’ora dall’inizio. In attesa di commenti ufficiali, abbiamo chiesto ai cittadini genovesi di provare un’analisi della sconfitta “È colpa del nostro concittadino” ripetono in molti, che contestano al leader di Sant’Ilario di aver eccessivamente accentrato la gestione del Movimento “ma anche il governo di Roma, la fuoriuscita di Putti e la defenestrazione della Cassimatis, la legge elettorale…”. Anche a Sant’Ilario, dall’abitazione di Grillo non si muove una foglia. “Ora capiamo perché ieri è andato al seggio con il casco in testa” sdrammatizzano al bar.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni amministrative 2017 – “Dati buoni”, “Soddisfatti”, “Cresciamo”: Renzi, Salvini, Grillo. Hanno vinto di nuovo tutti

next
Articolo Successivo

Elezioni amministrative 2017, il trionfo dell’astensionismo (o degli analfabeti politici)

next