“L’emendamento era solo una scusa del Pd non finire sotto sulle preferenze. Per me oggi la legislatura è finita“. Lo ha detto il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, che a poche ore dalla votazione del cosiddetto emendamento Biancofiore che ha affossato la legge elettorale, è stato intervistato da Corrado Formigli negli studi di  PiazzaPulita. “Io ci avevo messo la faccia su questo accordo – ha ammesso il deputato M5s – per me ora si deve andare a votare, perché non penso che questi partiti possano realizzare una legge elettorale“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni Uk, durante la maratona Mentana accade l’imprevedibile. “Il nostro momento Mr. Bean”

next
Articolo Successivo

Renzi e Grillo, l’opinione di Mario Monti: “Il primo non è di sinistra, il secondo non è affidabile. Sempre detto”

next