“L’emendamento era solo una scusa del Pd non finire sotto sulle preferenze. Per me oggi la legislatura è finita“. Lo ha detto il vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, che a poche ore dalla votazione del cosiddetto emendamento Biancofiore che ha affossato la legge elettorale, è stato intervistato da Corrado Formigli negli studi di  PiazzaPulita. “Io ci avevo messo la faccia su questo accordo – ha ammesso il deputato M5s – per me ora si deve andare a votare, perché non penso che questi partiti possano realizzare una legge elettorale“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Uk, durante la maratona Mentana accade l’imprevedibile. “Il nostro momento Mr. Bean”

prev
Articolo Successivo

Renzi e Grillo, l’opinione di Mario Monti: “Il primo non è di sinistra, il secondo non è affidabile. Sempre detto”

next