La premier conservatrice Theresa May parla a Downing Street al ritorno dall’incontro con la regina Elisabetta che l’ha autorizzata a formare un nuovo esecutivo. “Ed ora formerò un governo, Un governo che può fornire la certezza e portare la Gran Bretagna in avanti in questo momento critico per il nostro Paese. Questo governo guiderà il paese attraverso i negoziati cruciali di Brexit che iniziano tra soli dieci giorni e offriranno l’opportunità al popolo britannico di portare il Regno Unito fuori dall’Unione Europea. Il governo che conduco metterà la giustizia e l’opportunità nel cuore di tutto quello che facciamo per soddisfare la promessa di Brexit insieme e nei prossimi cinque anni e costruire un paese in cui nessuna e nessuna comunità viene lasciata alle spalle”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guerra dei Sei giorni, la fine del conflitto israelo-palestinese passa dall’abbattimento del muro

next
Articolo Successivo

Jeremy Corbyn e Bernie Sanders, vecchietti terribili all’attacco della Terza Via e di altri orrori

next