“Media indipendenti da chi?”. “Indipendenti da noi”. E’ tutta qui, in questo breve scambio di battute, la filosofia con cui la Russia di Vladimir Putin combatte la guerra fredda della propaganda – anche con i colpi bassi delle famigerate fake news – contro l’Europa e e il resto del mondo. Questo video è stato scovato e tradotto da FQ Millennium, il mensile dell’Editoriale Il Fatto diretto da Peter Gomez, in edicola da sabato 10 giugno, che attraverso le testimonianze dirette di numerosi infiltrati è in grado di raccontare che cosa succede negli uffici, anche di aziende private, che quotidianamente inondano internet di contenuti graditi al Cremlino. E, soprattutto, mirati a mettere in cattiva luce i suoi avversari, interni ed esterni. Nell’estate del 2016, Putin è in visita nella sede dell’agenzia internazionale Rossija Segodnja (Russia oggi), che comprende la divisione interna e Sputnik, una rete di radio, siti e blog diffusi in tutto il mondo, Italia compresa. Il direttore generale è Dmitry Kiselev e la direttrice Margarita Simonyan (che guida anche RT, l’ex Russia Today), due personaggi chiave della macchina della propaganda, mostrano al presidente il gradimento in tempo reale delle “loro” notizie all’estero. Orgogliosamente, Kiselev spiega a Putin che in Germania “il nostro rating dei blog è davanti a Stern, Rtl, Tagesspiegel”, cioè le principali testate tedesche. “I cosiddetti media indipendenti”, precisa Kiselev. “Indipendenti da chi?”, chiede Putin. “Indipendenti da noi”, si inserisce Simonyan. E scatta la risata generale

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Iran, Trump torna ad accusare Teheran: “Paesi sponsor del terrorismo rischiano di diventarne vittime”

next
Articolo Successivo

Sale sul palco e stende il rapper, e si scatena la rissa. Il motivo? Forse una “dissing” col rivale Rob Stone

next