E ritorna il Roma Pride, il grande corteo per i diritti delle persone Lgbt che come ogni anno sfilerà nella capitale il prossimo 10 giugno. Per l’occasione, questo sabato sera 3 giugno si inaugurerà la Gay Croisette in via di San Giovanni in Laterano, proprio al cospetto del Colosseo, per una settimana di dibattiti e di incontri. Cultura e momenti ricreativi che il movimento romano offre alla cittadinanza per favorire l’incontro tra tutte le diversità: quella eterosessuale e la comunità arcobaleno.

«Come ogni anno, dal 1994 – ha dichiarato il portavoce del pride romano, Sebastiano Secci  – attraverseremo senza nasconderci le strade di Roma. In un periodo in cui le ombre della sessuofobia e del moralismo tornano ad allungarsi, la parata dell’orgoglio Lgbtqi sarà l’occasione per offrire la migliore immagine che abbiamo di noi: i nostri corpi. Nella loro molteplicità e diversità, i nostri corpi superano i confini imposti dal binarismo di genere, da modelli e ruoli stereotipati di femminilità e di mascolinità, dalle identità nazionali, dal perbenismo, dalle norme e dalle classi sociali.»

Ed è sull’autodeterminazione dell’individuo, attraverso le libere scelte sul proprio corpo, che si incentra il cuore politico della manifestazione di quest’anno. A partire dalla campagna di comunicazione, intitolata “Corpi senza confini” e il cui slogan è “Scopriamoci”. Come si legge nel comunicato diramato dal Circolo Mario Mieli, che è tra gli organizzatori, i soggetti ritratti «sono gay, lesbiche, trans FtM ed MtF ed etero, con i loro corpi e le loro identità. Il concept è stato quello di ritrarre quei #corpisenzaconfini che già negli scatti rimandano all’idea di una comunità in movimento e a un Pride orgoglioso, colorato e gioioso».

Liberazione del sé, quindi. Parola d’ordine che non è piaciuta ai soliti detrattori. E non solo quelli del mantra della “carnevalata” (e ben venga anche il carnevale!) ma anche quella porzione – per fortuna sempre meno rappresentativa, anche dentro la stessa comunità Lgbt – di certe (arcaiche) femministe che hanno deciso di schierarsi sulle posizioni della peggiore destra omofoba e ultraclericale riguardo a temi quali gestazione per altri e omogenitorialità. Proprio alla vigilia del pride di Arezzo – il primo dei cortei che percorreranno tutta l’Italia fino ad agosto, per l’imponente manifestazione dell’Onda Pride – Arcilesbica nazionale aveva diramato un comunicato percepito come omofobico e proprio contro i padri gay. Fatto che ha creato un vero terremoto dentro l’associazione e che ha portato la maggioranza dei circoli – dieci su sedici – a sconfessare l’operato della dirigenza.

Non resta che partecipare a questo grande momento di democrazia e di liberazione: delle proprie scelte, delle proprie identità e del modo di concepire se stessi/e. Non come soggetti da tollerare, in un sistema che non ti ha previsto, ma come persone che a pieno titolo entrano nell’esistenza, senza chiedere il permesso a nessuno. Buon pride!

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tortura, il caso Regeni insegna: pretendere sempre il rispetto dei diritti umani

next
Articolo Successivo

Nuovo carcere di Nola, altro che rispetto dei diritti umani: gli spazi progettati sono da 800

next