Ampliamento della partnership con la Germania, sì al libero scambio con l’Europa e alla salvaguardia delle regole dell’Organizzazione mondiale del commercio. Come già anticipato alla vigilia del viaggio in Europa e a Berlino, il premier cinese Li Kequiang, in conferenza stampa con Angela Merkel, guarda al Vecchio Continente e si propone come partner alternativo agli Stati Uniti, visto che la linea di Donald Trump è nettamente contro il libero scambio e la protezione degli accordi sul clima di Parigi. E la Cancelliera accoglie positivamente l’apertura di Pechino. “Germania e Cina credono nel libero commercio e dovrebbero espandere la loro partnership”, dice, e Li Keqiang rafforza il concetto: “E’ arrivato il tempo di un accordo di libero scambio fra Cina ed Europa”, aggiungendo i due Paesi “sono pronti a contribuire alla stabilità del mondo”.

Mercoledì il premier cinese Li Keqiang – in Germania per l’incontro annuale tra i due capi di governo – ha chiesto un impegno comune per promuovere la liberalizzazione degli scambi e facilitare gli investimenti. “Di fronte a incertezze globali, sentimenti antiglobalizzazione e crescente protezionismo nel mondo, la Cina e la Germania dovrebbero continuare a promuovere la liberalizzazione degli scambi e facilitare gli investimenti e salvaguardare le regole dell’Organizzazione mondiale del commercio“, ha detto Li durante i colloqui con la Merkel.

E l’altro fronte, oltre a quello commerciale, riguarda l’ambiente. Nello specifico l’accordo di Parigi firmato da Barack Obama nel 2015 e dal quale gli Stati Uniti oggi vogliono sfilarsi. La Cina assicura che continuerà a lavorare con l’Ue al rafforzamento del patto sul climate change e pur non menzionando direttamente gli Usa, la portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying ha detto che i cambiamenti climatici sono “una sfida globale” che nessun Paese può ignorare. “Non importa se altri cambiano idea, continueremo a seguire un modello di sviluppo sostenibile”, ha aggiunto Hua, in conferenza stampa quotidiana. Alla domanda sugli scambi avuti da Pechino con Trump sul punto, Hua ha detto che Cina e Usa “hanno tenuto strette comunicazioni a vari livelli”, inclusa la questione del global warming. La Cina è il primo produttore di gas serra, seguita dagli Usa. Il premier Li Keqiang tratterà l’argomento al summit annuale con l’Ue di domani a Bruxelles.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, il premier Li Keqiang a Berlino e Bruxelles per proporsi come partner forte al posto degli Usa di Trump

next
Articolo Successivo

Accordo clima, De Blasio: “New York lo rispetterà anche se Trump ritirerà Usa”

next