“Se i voucher saranno reintrodotti, faremo ricorso alla Corte Costituzionale perché siamo di fronte a una evidente lesione della Carta e della democrazia”. Dalla sede della Cgil, è la segretaria Susanna Camusso ad attaccare la maggioranza, dopo l’annunciato emendamento alla manovra in discussione alla Camera, che intende reintrodurre uno strumento per il lavoro occasionale. Di fatto, dei voucher-bis non soltanto per le famiglie, ma anche per le piccole imprese. “Non è vero, come ha detto Palazzo Chigi, che è qualcosa di diverso dai voucher. Il meccanismo è analogo, perché non c’è un rapporto di lavoro. E la platea è più larga. Tra l’altro, è un rientro dei voucher che non ha padre, salvo un consigliere di Palazzo Chigi”, ha rivendicato la leader della Cgil. Per poi aggiungere: “Se c’è il rischio che Renzi usi il tema voucher per cercare un ‘incidente’ parlamentare e ottenere il voto anticipato? Il governo dovrebbe porsi soprattutto un problema di coerenza tra l’aver votato l’abrogazione dei voucher per non far votare i cittadini al referendum e adesso pentirsi di quel voto”, ha tagliato corto Camusso.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Voucher, dal referendum Cgil all’abolizione e ritorno. Cosa bolle nella pentola dei buoni lavoro

next
Articolo Successivo

Voucher, l’emendamento governo-Pd: tetto di 2.500 euro l’anno per ogni datore di lavoro. Resta il no di Mdp: “Invotabile”

next