Dopo quattro anni dall’abbandono e a un anno dall’assegnazione del bando per la gestione della sala,  il cinema Troisi apre le porte per un “open day” durante il quale è stato presentato il progetto architettonico di ristrutturazione della sala che sorge nel cuore di Trastevere. Ad accogliere gli “ospiti” sono stati i ragazzi del Piccolo Cinema America, vincitori del bando. “L’amministrazione comunale  – spiegano – ha messo a bando la sala senza le carte, senza certificazioni e l’agibilità e con una marea di abusi edilizi. L’abbiamo scoperto dopo. Quindi dei ragazzi tra i 15 ai 25 anni si devono occupare di ridare legalità laddove l’amministrazione comunale l’ha persa. Dovevano darcela pronta all’uso e invece dovremo fare dei lavori di ristrutturazione straordinaria”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, Kiev chiede estradizione per la Carovana Antifascista: “Sono andati nel Donbass, è terrorismo”

next
Articolo Successivo

Cnr, indagato il direttore generale Di Bitetto: “Associazione a delinquere finalizzata a peculato”

next