Messaggi dal contenuto “sessualmente molto esplicito” a studentesse di 16 e 17 anni: lunedì 8 maggio è stato licenziato in tronco un insegnante di educazione fisica di Vicenza, secondo quanto riporta il Giornale di Vicenza. È successo nel Centro di formazione professionale Victory, una scuola privata convenzionata con la Regione.

Le studentesse di un corso per parrucchiera avevano mostrato i messaggi alla preside dell’istituto di Vicenza,  che, lette le conversazioni, ha immediatamente allontanato l’insegnante dalla scuola, interrompendo il contratto. La scuola poi ha subito informato le famiglie e la questura, che ha già avviato un’inchiesta.

A Udine invece una maestra di una scuola dell’infanzia dell’hinterland, di circa 50 anni, risulta indagata per maltrattamenti e non potrà avvicinarsi ai suoi piccoli alunni. I  bambini venivano sgridati, minacciati, strattonati e anche colpiti per contenerne la vivacità. Nei suo confronti è stata emessa una misura cautelare adottata dal gip del Tribunale di Udine, su richiesta della procura, con il divieto di avvicinamento alla scuola. Il provvedimento è stato notificato dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Udine che hanno condotto le indagini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, esplosione in strada davanti alle Poste. “Non si esclude la pista anarchica”

next
Articolo Successivo

Incendio camper a Roma, veglia della comunità di S.Egidio per le sorelle rom. Monsignor Lojudice: “Tutti noi responsabili”

next