“Serve un piano di migrazione legale e selettiva: così si incentiva a tornare in patria”

C’è poi un ulteriore fattore da considerare, spiega Villa: “Alcuni dei paesi di origine e soprattutto di transito sono diventati dipendenti da questa economia irregolare, in particolare il Niger e in parte il Mali: è difficile smettere di essere trafficanti, per loro è un lavoro. I migranti transitando si fermano nelle case e ormai il 20/30% dell’economia locale dipende da loro. Se tocchi un pezzo del traffico, alcuni paesi di potrebbero destabilizzare. Se dai soldi alla polizia per contrastare il flusso, li prendono e continuano a prendere anche le mazzette dai trafficanti. Ma siamo noi i veri responsabili: se ci fossero modi legali per arrivare in Europa i trafficanti non esisterebbero. Se ci fosse un piano di migrazione legale e selettiva, come in Canada, potremmo scegliere chi far venire a seconda dei nostri bisogni e integrarlo nella nostra società. Così invece non solo arrivano come irregolari ma in aggiunta non hanno incentivi a rientrare, perché chi se ne va non può più tornare. In Canada, invece, la migrazione è circolare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, solo il 5% dei fondi italiani ai progetti di sviluppo delle ong. E i principali Paesi di provenienza sono esclusi

prev
Articolo Successivo

Terzo settore, varato il nuovo Codice: dal 2018 detrazione del 30% sulle donazioni alle onlus. E arriva il social bonus

next