“Sono 28 anni che frequento zone di guerra e sono 3 giorni che, quando ripenso a quel video, sto male. In questo caso specifico, i migranti erano profughi di guerra siriani. Non è una scelta di bontà accoglierli, è un dovere. Non sei buono se li accogli, ma hai commesso un reato se non li accogli“. E’ il commento pronunciato a L’Aria che Tira (La7) da Cecilia Strada, presidente di Emergency, alle terribili immagini pubblicate dall’Espresso, che ha raccontato in esclusiva il tragico naufragio avvenuto l’11 ottobre 2013, 60 miglia a sud di Lampedusa. “Bisogna vedere queste immagini per comprendere il dramma” – continua – ” e per ricordarci di quello di cui stiamo parlando: esseri umani che muoiono in mare. In questi giorni si è fatta molta polemica, per lo più gratuita, con tanto fango su tutti. Si sta parlando molto di teoria, di come facciamo ad accoglierli tutti, si avanzano sospetti sul ruolo delle Ong. Il contenuto del salvataggio in mare è quella roba lì: uomini, donne, bambini, che altrimenti annegano. E’ un problema delle Ong? No. E’ un problema dell’Europa. Le Ong in questo momento stanno cercando di sopperire a dei buchi“. E aggiunge: “Io credo che in Italia non ci sia nessuna invasione incontrollata. I grandi numeri dei rifugiati nel mondo non sono in Europa, ma nei Paesi confinanti con quelli da cui la gente scappa: Pakistan, Giordania, Libano. Non sono certo in Italia. E’ evidentemente un problema europeo, per cui bisogna rivedere le dinamiche europee e togliere questa follia che costringe a chiedere asilo nel primo Paese in cui sbarchi. Bisogna agire in modo europeo per dividere le responsabilità tra tutti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gomez: “Pd renziano? Più furbo e più bravo dei berlusconiani nella gestione del potere”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Fedriga (Lega) vs Strada: “Confondi clandestini con immigrati regolari”. “Clandestino non è categoria dell’animo umano”

next